Tullio Hostilio, aprendo il tempio di Giano